La tartaruga che sorride non è più a rischio estinzione: il programma di ripopolamento ha funzionato

tartaruga birmana coperta

La tartaruga birmana coperta è una gigantesca tartaruga di fiume asiatica famosa per l’espressione del suo viso, che sembra sempre caratterizzato da un simpatico sorriso.

Solo 20 anni fa, la specie era ritenuta estinta. Ma dopo aver riscoperto una manciata di animali sopravvissuti, gli scienziati hanno aumentato la popolazione fino a quasi 1.000 animali in cattività, alcuni dei quali sono stati rilasciati con successo in natura in Myanmar negli ultimi cinque anni.

“Siamo arrivati ​​molto vicini a perderli – ha detto Steven G. Platt, erpetologo presso la Wildlife Conservation Society – Se non fossimo intervenuti tempestivamente, questa tartaruga sarebbe scomparsa.”

Le tartarughe affrontano uno dei rischi di estinzione più elevati tra gli animali della Terra, con oltre la metà delle 360 ​​specie del pianeta “sotto minaccia”. La crisi è più acuta per le specie asiatiche, che sono colpite sia dalla perdita di habitat sia dai livelli enormi di caccia per cibo, medicine e commercio di animali domestici.

Tra queste c’è proprio la tartaruga birmana coperta. Le femmine, che crescono in maniera molto più significativa rispetto ai maschi, possono superare le dimensioni di un volante, mentre la peculiarità dei maschi consiste in una trasformazione del colore durante la stagione riproduttiva che fa sì che le loro teste, solitamente verdi, diventino di un giallo brillante con marcati segni neri.

Intorno alla metà del XX secolo, l’intensificarsi della pressione derivata dalla pesca e dalle indiscriminate tecniche di cattura stavano portando alla morte molte tartarughe adulte. In più, l’eccessivo raccolto di uova ha impedito alle tartarughe di rinnovarsi.

L’estinzione sembrava inevitabile, fino al 2001, quando un abitante di un villaggio in una ex zona di guerra ha consegnato al dottor Platt un guscio di una tartaruga birmana coperta. La cattiva notizia era che la tartaruga era stata mangiata di recente. La buona notizia era che la specie non si era estinta, riaccendendo la speranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *